mercoledì 24 novembre 2010

Il bosco, la luna ed un capriolo

Fotografare la luna è sempre affascinante.
Facendo attenzione alla messa a fuoco è possibile ricavare un buon dettaglio sui mari e sui crateri, vedere le linee che la rendono simile ad un'anguria.
Preferisco fotografarla durante la fase discendente o calante, non quando è completamente piena.
Luna Gibbosa Calante - Canon 400mm L USM

Questa sera, naso all'insù, ho notato che le nuvole in movimento stavano coprendo completamente il cielo. La luna si nascondeva rapidamente, come nei migliori film sui lupi mannari. Decido quindi di uscire a fotografarla di nuovo. Cammino nel buio lungo un sentiero, aspetto un buon momento. Un capriolo mi sente ed in lontananza si mette in guardia col suo tipico verso, simile all'abbaio di un cane. Sento che cammina nervosamente nel prato, ma non si allontana: è un animale curioso.



La luna è nascosta. Filtra una luce diffusa tra gli alberi


Arrivo al punto in cui è possibile vedere tutta la valle. Il fiume Limentra è coperto di nebbia, Castel di Casio avvolto da foschia ed il cielo verso sud ha una tonalità gialla dovuta al riflesso delle luci della lontana pianura toscana.


La luna è ormai coperta ed anche il capriolo ha deciso che è più saggio andare a cercarsi un riparo.

Nessun commento: