martedì 7 dicembre 2010

Ovattato

La nebbia e la neve rendono il bosco di due colori, bianco e nero. 

Canon 50d - Zeiss 35mm

Manca un'ora al tramonto.
In certi punti il peso della neve, accentuato dal ghiaccio,  curva i rami più bassi, rendendo il passaggio sulla via segnata piuttosto scomodo e faticoso.
Rimango impressionato dal gran numero di rami rotti a causa del peso della neve ghiacciata, è uno scenario di guerra, sembra siano esplose delle granate tra i rami.
Tutti quei rami spaccati dalla forza del vento e del ghiaccio intralciano il sentiero: decido di tagliare nel bosco che fiancheggia il sentiero. 
Appoggio un piede e con sorpresa non sprofondo nella neve, ma come sposto il peso su quell'altro, improvvisamente scendo di quaranta centimetri dentro una neve soffice e bianchissima. 
Ogni passo ne vale tre.
Arrivo al punto che mi ero prefissato. Il silenzio mi avvolge tra gli abeti ed i faggi, sono circondato da una nebbia sottile, solo lo scricchiolio dei tronchi che malvolentieri si piegano alla tramontana rompe la calma ovattata che mi circonda.
Mi volto di scatto, sono sicuro di aver visto passare un'ombra con la coda dell'occhio. 
Respiro interrotto per ascoltare meglio. Sposto lo sguardo oltre un tronco che mi ostacola la vista.
Era solo un'illusione. Forse anche il freddo produce miraggi.
O forse no...
Apro il cavalletto e scatto qualche foto.

Canon 50d - Zeiss 35mm

Canon 50d - Zeiss 35mm

Canon 50d - Zeiss 35mm

2 commenti:

Barbara Palmisano ha detto...

belle foto invernali!

Fabrizio Rosano ha detto...

Grazie Barbara, invernale era anche la temperatura...
Ciao