sabato 19 marzo 2011

Orgoglio di essere capriolo

I cervi sono belli, c'è poco da fare.
Sono però timidissimi e molto riservati e purtroppo per loro, molto abitudinari.
I caprioli sono incredibilmente sfacciati.
Territoriali e simpaticamente orgogliosi di essere caprioli.
Spesso ho la sensazione che mi sfidino ad avvicinarli, mi aspettano per mostrarmi la loro abilità da funamboli delle fughe boschive.

Stamattina mi muovevo più silenziosamente che potevo, stavo cercando di fotografare un picchio che ovviamente è fuggito rapido.
Mentre ero assorto nella mia ricerca ho notato che un bel gruppo di caprioli mi osservava senza timore.
Appena individuati ho scattato a mano libera, trattenendo il fiato per limitare il mosso.

Il bosco osserva con distacco la scena, mi offre un appoggio naturale e rimango fermo immobile per qualche minuto. Gli ungulati non hanno una vista eccezionale, ma sono bravissimi nel rilevare il movimento delle sagome.
Tra le querce, rimango fermo immobile, qualche goccia leggera di pioggia.
Situazione variabile.
Esce il sole rapidamente, scalda il terreno e una folata di vento trasporta il profumo di viole verso l'alto.
Fantastico, attimi di perfetta sintonia con il bosco che mi saluta a suo modo.





2 commenti:

Misty ha detto...

ahh.. l'ultima foto è stupenda, che faccina!

noel ha detto...

Beautiful capture ,you have great pictures well done