mercoledì 8 febbraio 2012

Fight club...tra cervi

A casa col mal di gola.
Temperatura glaciale, cielo limpido grazie ad una bava di vento che ha lavorato tutto il pomeriggio pulendo il cielo: finalmente si rivede il sole che dipinge la neve d'oro.
Cervi affamati, ma invisibili da giorni...
Passo il pomeriggio dietro la finestra, tele montato, contemplo il paesaggio e attendo...

Al tramonto, luce blu, gelida e magica, sagome che si muovono tra i rami del salice sotto casa.
Sette cervi, due coppie stanno combattendo.

Non ci posso credere: il gruppo ha saputo che non posso uscire a fotografarli e si vengono ad esibire qui.

Perfetto, l'arena è candida, neve farinosa, tramonto che saluta i combattenti, incomincio a scattare.
Le cornate suonano come legnate in un silenzio tipicamente invernale, i cervi spingono sulle zampe posteriori, muggiscono, girano intorno sollevando la neve e sbuffando come locomotive.

Uno spettacolo avvincente.
Il perdente corre via goffo col culo radente la neve, il vincitore si guarda intorno orgoglioso, cercando l'obiettivo della macchina fotografica...

Corna che strisciano in terra, la provocazione...
Si comincia tra i rami del salice











Il perdente
Il vincitore

Nessun commento: