giovedì 4 ottobre 2012

Cieli colorati

L'ho imparato dai vecchi: 'è il momento più freddo della notte' 

C'è un momento in cui avviene che la notte ed il giorno si incontrano.
Certe volte l'incontro si conclude con un bisticcio, una baruffa.
Evidentemente si sparge la voce che il sole sta arrivando e d'improvviso, se la notte è stata tranquilla, si alza un vento sgarbato, freddo e sibilante.
I fantasmi del bosco forse stavano giocando sui prati ed allora, infastiditi, corrono via ululando, alzano le foglie e scrollano i rami degli alberi, sollevano l'umidità della notte e la trasformano in nuvole bianche e spumose come panna montata.
La luna brilla come un diamante, gli animali sono guardinghi, c'è troppo rumore.
In quegli istanti diventa più freddo, ti vengono i brividi e desideri solo che il sole salti fuori in fretta.

E' in questi momenti che mi chiedo perchè ho puntato la sveglia alle 5.30, sono uscito al buio, ho freddo e mi manca la mia stufa.
Poi, guardo il cielo e trovo una risposta..molto colorata






2 commenti:

Paolo ha detto...

Sei riuscito a catturare la cosiddetta ora blu.
Magico!

Fabrizio Rosano ha detto...

Grazie Paolo!
Più che 'ora blu'...si tratta di 'minuti blu'...finisce velocemente!